LATTONERIE PRESSOPIEGATI
LATTONERIE PRESSOPIEGATI

Le lamiere grecate ed i pannelli isolanti vengono completati [ ... ]

ACCESSORILeggi
OBLO'
OBLO'

Per garantire la luce all'interno del capannone, visibilità [ ... ]

ACCESSORILeggi
SISTEMI DI FISSAGGIO
SISTEMI DI FISSAGGIO

Pannelli coibentati fissati in pochi secondi e in assoluta s [ ... ]

ACCESSORILeggi
LUCERNAI
LUCERNAI

Da impiegarsi dove è necessaria una copertura che assicuri  [ ... ]

ACCESSORILeggi

ISOGREK H28 | Pannello monolamiera

Descrizione



 

ISOGREK h 28 mm è un pannello monolamiera ottenuto dall’accoppiamento di un resistente profilo metallico h 28 mm ad uno strato di poliuretano ad alta densità schiumato in continuo. Essendo modulare, leggero, isolato e resistente si adatta ad ogni tipo di impiego per il tamponamento dell’involucro esterno dell’edificio.

Materiali e qualità:
ISOGREK h 28 mm è realizzato mediante un processo produttivo in continuo, attraverso l’impiego di tecnologie altamente innovative che consentono di avere una densità di poliuretano superiore ad un semplice pannello monolamiera. Questa caratteristica, abbinata alla geometria a 9 greche della sezione, rende il prodotto altamente resistente ai carichi concentrati.

Riduzione effetto condensa:
ISOGREK h 28 mm è una perfetta barriera al vapore. L’aria umida condensa sulle superfici fredde, pertanto il poliuretano rende isolato termicamente il supporto ed evita la formazione di acqua sul lato interno del pannello.

Isolamento termico e acustico:
ISOGREK h 28 mm ha tutte le caratteristiche ed i vantaggi di una semplice lamiera grecata: (leggerezza, modularità, versatilità e costi contenuti) ma offre anche discreto isolamento termico e considerevole attenuazione del rumore dovuto alla pioggia.

Fenomeni di corrosione:
ISOGREK h 28 mm ha uno strato di poliuretano all’intradosso che impedisce il diretto contatto tra il metallo della lastra della copertura alla struttura di sostegno sottostante, prevenendo in questo modo il fenomeno della “corrosione galvanica”.

Tabelle di portata

ISOGREK h 28 mm versione Alluminio
CARICO MASSIMO UNIFORMEMENTE RIPARTITO (DaN/m²)

Spess.
(mm)

DISTANZA TRA GLI APPOGGI "L" (M)
Limitazione di freccia = 1/200 L
0,80 1,00 1,20 1,40 1,60 1,80 2,00
0,6 579 405 235 148 99 69 52
0,7 753 473 274 172 115 81 63
0,8 943 542 313 197 132 93 75
1,0 1245 677 392 247 165 115 89
fattore di conversione 1 DaN = 1,02 Kg

 

ISOGREK h 28 mm versione Acciaio
CARICO MASSIMO UNIFORMEMENTE RIPARTITO (DaN/m²)

Spess.
(mm)

DISTANZA TRA GLI APPOGGI "L" (M)
Limitazione di freccia = 1/200 L
1,00 1,25 1,50 1,75 2,00 2,25 2,50 2,75 3,00
0,5 1011 517 300 189 126 89 64 49 37
0,6 1214 621 359 226 151 106 77 58 45
0,7 1418 725 419 264 177 124 91 68 52
0,8 1620 829 480 301 202 142 103 77 59
1,0 2026 1037 600 378 252 177 129 97 74
fattore di conversione 1 DaN = 1,02 Kg

I valori riportati nelle tabelle sono teorici e vengono forniti dal produttore a titolo puramente indicativo. In nessun caso, tali valori, dovranno essere presi a riferimento per attribuire al prodotto capacità di sopportare carichi. Sarà onere e cura del cliente e/o del progettista la redazione di calcoli per la portata specifica richiesta per ogni singolo impiego. Nel caso le esigenze del cliente e/o di progetto impongano spessori e/o qualità di acciaio al di fuori della versione standard, le stesse dovranno essere espressamente indicate e rese note al produttore, con valori decimali e relative tolleranze.

Bonifica amianto

Sono “sostituzione” e “sovracopertura” (o “confinamento”) le tecniche di bonifica dell’amianto più diffuse: per entrambe possono essere utilizzate lamiere grecate e pannelli sandwich precoibentati che, oltre a risolvere il problema amianto, garantiscono ottime prestazioni termo acustiche. Se gli effetti mortali dell’amianto siano noti fin dall’inizio del secolo scorso, solo negli anni Novanta sono state emanate le prime direttive comunitarie in merito agli obblighi di rimozione. Ancora oggi però esistono moltissimi edifici che utilizzano lastre di amianto come manto di copertura, ma in queste anni sono state sviluppate diverse tecniche di bonifica e ampie conoscenze di tutte le problematiche connesse. Per scegliere la miglior tecnica di bonifica da adottare è importante valutare una serie di variabili: dallo stato di conservazione della copertura all’impegno economico che si è disposti ad affrontare, dai tempi di realizzazione alle caratteristiche prestazionali di ogni tipologia di soluzione. L’esperienza acquisita in molti anni di attività, con la relativa complessa casistica di interventi, ha reso la nostra realtà l’interlocutore più affidabile per la scelta della soluzione idonea per la vostra copertura. Infatti se l’incapsulamento, tramite l’applicazione di prodotti fissanti, è una soluzione di bonifica temporanea e utilizzabile solo in alcuni casi, sono la “sovracopertura con lamiera grecata” e la “sostituzione con pannello coibentato” le tecniche di bonifica più diffuse. La bonifica tramite “sovracopertura” (o confinamento) consiste nel ricoprire la vecchia lastra di amianto con lamiere grecate in lega di alluminio o acciaio che si adattano perfettamente al manto esistente. Questi elementi vengono fissati, tramite viti autoperforanti ad arcarecci in legno. È una tecnica che viene consigliata quando la copertura è in buon stato di conservazione, e quando le strutture sottostanti possono sostenere un carico aggiuntivo dovute al nuovo manto. Sono molteplici i vantaggi di questa soluzione: innanzitutto la possibilità di mantenere della vecchia copertura, ma anche la limitazione di produzione di rifiuti tossico-nocivi e la maggiore durata rispetto al solo intervento dell’incapsulamento. La sovracopertura con lamiere grecate però non è un intervento definitivo e può offrire garanzie di protezione solo per un numero limitato di anni. È invece la sostituzione con pannelli sandwich l’unico intervento definitivo tra quelli previsti a norma di legge. Questa tecnica di bonifica consiste nel sostituire la copertura con materiali non contenenti amianto, come i pannelli precoibentati. Effettuando questo tipo di intervento si sfruttano tutte le potenzialità dei pannelli precoibentati, ottenendo alto isolamento termico, estrema facilità di montaggio e leggerezza strutturale. Il beneficio derivante dall’isolamento termico dato dal pannello preicobentato consente inoltre di avere nel tempo un considerevole risparmio economico per i costi di riscaldamento e raffreddamento dell’edificio. Nella sezione coperture del sito potrete scegliere una vasta gamma di lamiere grecate e pannelli precoibentati adatti alla bonifica dell’amianto.

TAGS: pannelli sandwich, pannelli isolanti per tetti, pannelli metallici coibentati, pannelli poliuretano, pannelli coibentati, pannelli monolamiera

Immagini

Documentazione utile

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn