LUCERNAI
LUCERNAI

Da impiegarsi dove è necessaria una copertura che assicuri  [ ... ]

ACCESSORILeggi
OBLO'
OBLO'

Per garantire la luce all'interno del capannone, visibilità [ ... ]

ACCESSORILeggi
POLICARBONATO ALVEOLARE
POLICARBONATO ALVEOLARE

Grazie alle partnerships con le più importanti case di  [ ... ]

ACCESSORILeggi
LATTONERIE PRESSOPIEGATI
LATTONERIE PRESSOPIEGATI

Le lamiere grecate ed i pannelli isolanti vengono completati [ ... ]

ACCESSORILeggi

DRYFIX | Sistema modulare avanzato

Descrizione

fotovoltaico


Dryfix
rappresenta la nuova proposta riservata a clienti, tecnici ed installatori che pretendono soluzioni innovative, che non transigono sulla qualità delle loro opere e sulle garanzie che intendono prestare ai propri committenti. Molto tempo e risorse sono state impegnate per giungere alla speciale configurazione multi-dimensionale e del tutto inedita che caratterizza la sezione tipica del pannello base EV1M sul quale si fonda il principio ed il brevetto del Sistema ERIT e del Dryfix. Nasce così l’unico pannello di copertura che consente di installare moduli fotovoltaici, di qualsiasi marca, senza forare la copertura. Tempi di posa in opera estremamente ridotti, vantaggi prestazionali inediti, risparmio immediato, ma soprattutto nel tempo, derivante dall’esigua manutenzione necessaria per queste soluzioni costruttive nuove ed avanguardistiche.
Sebbene i due Sistemi utilizzino la medesima piattaforma tecnica, Dryfix non sostituisce il famoso Sistema ERIT® brevettato dall’azienda, ancora oggi ritenuto dai progettisti il modello di riferimento per realizzare il miglior tetto fotovoltaico, ma ne recepisce il principio innovativo proponendo la possibilità di realizzare una base estremamente flessibile che potrà accogliere qualsiasi tipo di modulo fotovoltaico a scelta del cliente.

 

 

 

Dimensioni
larghezza mm 1000.


Lunghezza
a richiesta da produzione in continuo.


Spessore standard di poliuretano fuori greca (S)
mm 40 - 50 - 60 - 80 - 100 - 120 spessori non standard sono fornibili a richiesta previo accordo sui quantitativi minimi.


Supporto esterno
acciaio zincato, acciaio zincato preverniciato o plastificato; acciaio inox; alluminio naturale; preverniciato o goffrato; rame (CORAM)


Isolamento con schiumatura in continuo
resine poliuretaniche (PUR) e (PIR - non standard su richiesta), densità 39 ±2 Kg/m³
Valore dichiarato di trasmittanza termica per un pannello dopo 25 anni dalla sua messa in opera, (Appendice C - EN 13165)
Valore di conducibilità termica iniziale: λ = 0,020 W/(mK)


Trattamenti protettivi per supporto esterno a richiesta
preverniciatura poliestere, preverniciatura atossica per contatto con alimenti, poliestere siliconico, PVDF, termoplastica classe A, applicazione di film plastico in PVC o altri film.

  • Isometrica
  • tettoventilato01
  • tettoventilato02
  • tettoventilato03
  • tettoventilato04
  • tettoventilato05
  • tettoventilato06
  • tettoventilato07
  • tettoventilato08

Applicazioni

IL SISTEMA DI FISSAGGIO

Il fissaggio è punto di forza del sistema Dryfix  - permette di realizzare una copertura ventilata senza forare i pannelli coibentati metallici pur mantenendo caratteristiche meccaniche di adeguata resistenza alle sollecitazioni. Dryfix, (nome prodotto che si ispira alle sue proprietà: fissaggio asciutto e sicuro) senza fori passanti può collegare tegole, tavolati, listelli, pannelli solare termici o moduli fotovoltaici.  Non occorrono viti, bulloni,  rivetti a strappo,  viti autoperforanti  con guarnizioni o guaine interposte in gomma sintetica.

APPLICAZIONI PER GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI

  • Dryfix supera tutti i sistemi tradizionali sia per prestazioni tecniche sia per competitivita’ dei prezzi poiche’ non comporta l’impiego di telai per il sostegno dei moduli;
  • Dryfix assicura un’ottima ventilazione della parte inferiore del modulo fotovoltaico;
  • Dryfix assicura una maggior durata dei moduli poiché questi appoggiano ogni 33 cm quindi  risultano meno sollecitati  dai carichi presenti in copertura;
  • Dryfix impiega una innovativa tecnologia brevettata per il  fissaggio moduli rendendo molto più rapido il montaggio;
  • Dryfix  preserva la copertura dai rischi infiltrazioni, mentre  i sistemi retrofit tradizionali sono meno sicuri a causa delle  numerose forature occorrenti al fissaggio dei moduli (anche se di nuova installazione).


Dryfix per le applicazioni nel comparto agricolo.

La linea Dryfix nelle versioni Agri, Vetroresina e Cartonfeltro sono la soluzione ideale per la realizzazione di coperture nel settore agricolo e allevamenti. Dove si generano vapori aggressivi o sono presenti sostanze dannose per taluni metalli (allevamenti, coltivazione di funghi, ecc.) l’applicazione del supporto inferiore in Vetroresina, Agri o Cartonfeltro conferisce la necessaria resistenza. Versione AGRI, con supporto flessibile in alluminio goffrato, PVC e versione VETRORESINA dove il supporto di fibre di vetro rinforzate dalla resina poliestere garantisce una robusta protezione ai vapori acidi ed agli agenti chimici.

Note:
il supporto flessibile in cartonfeltro bitumato cilindrato non è idoneo per essere utilizzato a vista in quanto può presentare variazioni di tonalità o altre imperfezioni di carattere estetico.

Bonifica amianto

Sono “sostituzione” e “sovracopertura” (o “confinamento”) le tecniche di bonifica dell’amianto più diffuse: per entrambe possono essere utilizzate lamiere grecate e pannelli sandwich precoibentati che, oltre a risolvere il problema amianto, garantiscono ottime prestazioni termo acustiche. Se gli effetti mortali dell’amianto siano noti fin dall’inizio del secolo scorso, solo negli anni Novanta sono state emanate le prime direttive comunitarie in merito agli obblighi di rimozione. Ancora oggi però esistono moltissimi edifici che utilizzano lastre di amianto come manto di copertura, ma in queste anni sono state sviluppate diverse tecniche di bonifica e ampie conoscenze di tutte le problematiche connesse. Per scegliere la miglior tecnica di bonifica da adottare è importante valutare una serie di variabili: dallo stato di conservazione della copertura all’impegno economico che si è disposti ad affrontare, dai tempi di realizzazione alle caratteristiche prestazionali di ogni tipologia di soluzione. L’esperienza acquisita in molti anni di attività, con la relativa complessa casistica di interventi, ha reso la nostra realtà l’interlocutore più affidabile per la scelta della soluzione idonea per la vostra copertura. Infatti se l’incapsulamento, tramite l’applicazione di prodotti fissanti, è una soluzione di bonifica temporanea e utilizzabile solo in alcuni casi, sono la “sovracopertura con lamiera grecata” e la “sostituzione con pannello coibentato” le tecniche di bonifica più diffuse. La bonifica tramite “sovracopertura” (o confinamento) consiste nel ricoprire la vecchia lastra di amianto con lamiere grecate in lega di alluminio o acciaio che si adattano perfettamente al manto esistente. Questi elementi vengono fissati, tramite viti autoperforanti ad arcarecci in legno. È una tecnica che viene consigliata quando la copertura è in buon stato di conservazione, e quando le strutture sottostanti possono sostenere un carico aggiuntivo dovute al nuovo manto. Sono molteplici i vantaggi di questa soluzione: innanzitutto la possibilità di mantenere della vecchia copertura, ma anche la limitazione di produzione di rifiuti tossico-nocivi e la maggiore durata rispetto al solo intervento dell’incapsulamento. La sovracopertura con lamiere grecate però non è un intervento definitivo e può offrire garanzie di protezione solo per un numero limitato di anni. È invece la sostituzione con pannelli sandwich l’unico intervento definitivo tra quelli previsti a norma di legge. Questa tecnica di bonifica consiste nel sostituire la copertura con materiali non contenenti amianto, come i pannelli precoibentati. Effettuando questo tipo di intervento si sfruttano tutte le potenzialità dei pannelli precoibentati, ottenendo alto isolamento termico, estrema facilità di montaggio e leggerezza strutturale. Il beneficio derivante dall’isolamento termico dato dal pannello preicobentato consente inoltre di avere nel tempo un considerevole risparmio economico per i costi di riscaldamento e raffreddamento dell’edificio. Nella sezione coperture del sito potrete scegliere una vasta gamma di lamiere grecate e pannelli precoibentati adatti alla bonifica dell’amianto.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn


(staffe Dryfix su pannello e listellatura)

(staffa Dryfix - non fora la copertura)

(Dryfix concente ventilazione su moduli fotovoltaici)

(tetto finito in legno montato su Dryfix)