LATTONERIE PRESSOPIEGATI
LATTONERIE PRESSOPIEGATI

Le lamiere grecate ed i pannelli isolanti vengono completati [ ... ]

ACCESSORILeggi
LUCERNAI
LUCERNAI

Da impiegarsi dove è necessaria una copertura che assicuri  [ ... ]

ACCESSORILeggi
POLICARBONATO ALVEOLARE
POLICARBONATO ALVEOLARE

Grazie alle partnerships con le più importanti case di  [ ... ]

ACCESSORILeggi
SISTEMI DI FISSAGGIO
SISTEMI DI FISSAGGIO

Pannelli coibentati fissati in pochi secondi e in assoluta s [ ... ]

ACCESSORILeggi

CT/C 200 | Lamiera grecata per coperture

Economicità, rapidità e razionalità di esecuzione sono solo alcuni dei vantaggi che comporta l'uso delle lamiere grecate ISOLPACK.

Descrizione

lamiera grecata per coperture

  ctc200

Utilizzate nella realizzazione di soffittature, solai e pareti, le lamiere ISOLPACK sono state progettate conciliando elevate proprietà statiche e peso ridotto. All'accurato design e massima funzionalità si aggiungono altre caratteristiche specifiche, quali ad esempio:

- montaggio eseguibile con minimo impiego di mano d'opera e in tempi molto brevi;
- compatibilità con modifiche ed ampliamenti degli edifici costruiti;
- massima ricuperabilità in caso di trasformazioni;
- notevole portata degli elementi in rapporto al minimo peso;
- riduzione notevole dei costi di manutenzione;
- vasta gamma di colori e finiture senza necessità di operazioni successive all'installazione;
- facilità di trasporto, dovuta alla leggerezza e al ridotto volume d'imballaggio.

La produzione di lamiere grecate viene eseguita mediante profilatura da nastri metallici in diversi materiali: acciaio zincato, zincato preverniciato o plastificato; acciaio inox; alluminio naturale o preverniciato; rame. Alla varietà di materiali disponibili si aggiunge una ampia gamma di colori e profili che permettono di soddisfare le più esigenti richieste estetiche ed strutturali.

Dimensioni
larghezza a) mm 732 - b) mm 915, lunghezza a richiesta da produzione in continuo.

Spessore
da mm 0,6 a mm 1,0 - anche non standard su richiesta.

Materiali

Acciaio zincato, preverniciato o plastificato; acciaio inox, rame:
- acciaio conforme alla Norma UNI EN 10147 tipo Fe E 250 G disponibile semplicemente zincato a caldo con procedimento "sendzimir", zincato preverniciato o plastificato.
- Alluminio lega 3103 H16 conforme alla Norma UNI 9003/3 o secondo UNI 10372 disponibile naturale o preverniciato.
- Acciaio inox AISI 304 finitura 2B conforme alle Norme UNI 10372.
- CORTEN.
- Rame conforme alle Norme UNI EN 1172 - UNI 10372.

Tabelle di portata

Caratteristiche statiche della sezione
CARICO MASSIMO UNIFORMEMENTE DISTRIBUITO, Kg/m², FRECCIA = 1/200
SPESSORE
mm
PESO
Kg/m²
J
cm4/m
W
cm3/m
DISTANZA TRA GLI APPOGGI "L" IN METRI
1.00
1.50
2.00
2.50
3.00
3.50
3.75
0.6
6.43
14.88
5.14
679
302
150
76
---
---
---
0.7
7.50
17.50
6.05
798
355
176
90
52
---
---
0.8
8.58
20.11
6.95
917
407
202
103
60
---
---
1.0
10.72
25.33
8.76
1156
513
255
130
75
---
---
SPESSORE
mm
PESO
Kg/m²
J
cm4/m
W
cm3/m
DISTANZA TRA GLI APPOGGI "L" IN METRI
1.00
1.50
2.00
2.50
3.00
3.50
4.00
0.6
6.43
14.88
4.28
707
314
176
113
78
---
---
0.7
7.50
17.50
5.14
848
377
212
135
94
62
---
0.8
8.58
20.11
6.01
992
440
248
158
110
71
---
1.0
10.72
25.33
7.78
1284
570
321
205
142
90
60
A titolo semplicemente informativo viene riportato il presente rapporto di prova che, in nessun caso, dovrà essere interpretato quale elemento valido per stabilire o calcolare valori di portata. Sarà onere e cura del cliente e/o del progettista la redazione di calcoli per la portata specifica richiesta per ogni singolo impiego. Nel caso le esigenze del cliente e/o di progetto impongano spessori e/o qualità di acciaio al di fuori della versione standard, le stesse dovranno essere espressamente indicate e rese note al produttore, con valori decimali e relative tolleranze.

Bonifica amianto

Sono “sostituzione” e “sovracopertura” (o “confinamento”) le tecniche di bonifica dell’amianto più diffuse: per entrambe possono essere utilizzate lamiere grecate e pannelli sandwich precoibentati che, oltre a risolvere il problema amianto, garantiscono ottime prestazioni termo acustiche. Se gli effetti mortali dell’amianto siano noti fin dall’inizio del secolo scorso, solo negli anni Novanta sono state emanate le prime direttive comunitarie in merito agli obblighi di rimozione. Ancora oggi però esistono moltissimi edifici che utilizzano lastre di amianto come manto di copertura, ma in queste anni sono state sviluppate diverse tecniche di bonifica e ampie conoscenze di tutte le problematiche connesse. Per scegliere la miglior tecnica di bonifica da adottare è importante valutare una serie di variabili: dallo stato di conservazione della copertura all’impegno economico che si è disposti ad affrontare, dai tempi di realizzazione alle caratteristiche prestazionali di ogni tipologia di soluzione. L’esperienza acquisita in molti anni di attività, con la relativa complessa casistica di interventi, ha reso la nostra realtà l’interlocutore più affidabile per la scelta della soluzione idonea per la vostra copertura. Infatti se l’incapsulamento, tramite l’applicazione di prodotti fissanti, è una soluzione di bonifica temporanea e utilizzabile solo in alcuni casi, sono la “sovracopertura con lamiera grecata” e la “sostituzione con pannello coibentato” le tecniche di bonifica più diffuse. La bonifica tramite “sovracopertura” (o confinamento) consiste nel ricoprire la vecchia lastra di amianto con lamiere grecate in lega di alluminio o acciaio che si adattano perfettamente al manto esistente. Questi elementi vengono fissati, tramite viti autoperforanti ad arcarecci in legno. È una tecnica che viene consigliata quando la copertura è in buon stato di conservazione, e quando le strutture sottostanti possono sostenere un carico aggiuntivo dovute al nuovo manto. Sono molteplici i vantaggi di questa soluzione: innanzitutto la possibilità di mantenere della vecchia copertura, ma anche la limitazione di produzione di rifiuti tossico-nocivi e la maggiore durata rispetto al solo intervento dell’incapsulamento. La sovracopertura con lamiere grecate però non è un intervento definitivo e può offrire garanzie di protezione solo per un numero limitato di anni. È invece la sostituzione con pannelli sandwich l’unico intervento definitivo tra quelli previsti a norma di legge. Questa tecnica di bonifica consiste nel sostituire la copertura con materiali non contenenti amianto, come i pannelli precoibentati. Effettuando questo tipo di intervento si sfruttano tutte le potenzialità dei pannelli precoibentati, ottenendo alto isolamento termico, estrema facilità di montaggio e leggerezza strutturale. Il beneficio derivante dall’isolamento termico dato dal pannello preicobentato consente inoltre di avere nel tempo un considerevole risparmio economico per i costi di riscaldamento e raffreddamento dell’edificio. Nella sezione coperture del sito potrete scegliere una vasta gamma di lamiere grecate e pannelli precoibentati adatti alla bonifica dell’amianto.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn